Non in molti conoscono la Brown Box perché la sua storia è stata abbastanza sfortunata ma rappresenta la prima console di gioco

La Brown Box è la prima console di gioco della storia ma , come spesso accade, non è riuscita ad avere la medesima Si parla del 1967 quando non si parlava di console di gioco e nemmeno di arcade anche perché i computer ed i componenti erano decisamente costosi e tutto sembrava essere impossibile da realizzare. Ma come spesso accade un uomo, un vero e proprio visionario, riesce a creare un miracolo ed in questo caso fu Ralph Baer che dal nulla creò la scatola marrone. All’epoca Baer lavorava per la Sanders Associates Inc. ma questa azienda non gli concesse la possibilità di metterla in produzione.

Il primo videogioco creato per la Brown Box fu ping-pong ma la cosa molto interessante era rappresentata dall’hardware. La sua configurazione prevedeva infatti una console e due controller con un rotella ma non solo, cosa ancora più eccezionale sta nel fatto che era prevista una pistola ed una mazza da golf, ma aveva bisogno di un attacco speciale. Erano previsti una serie di giochi molto interessanti come il ping-pong, la dama, il gioco del golf, vari giochi di tiro al segno e molti altri giochi sportivi.

Purtroppo la Brown Box non riuscì ad entrare nel mercato prima del 1972 sotto licenza alla Magnavox col nome di Magnavox Odissey. Purtroppo il problema stava nel fatto che la Magnavox produttrice di televisioni fece delle campagne pubblicitarie non troppo azzeccate ma soprattutto la tecnologia avanzava e ciò che prima era eccezionale divenne meno attraente anche perché Atari ed altre aziende stavano creando prodotti più tecnologicamente avanzati. A proposito di Magnavox e ping-pong fu creata una causa contro Atari per ciò che concerneva pong e la sua possibilità di un problema di brevetti.

img credit https://americanhistory.si.edu/collections/search/object/nmah_1301997