Molto spesso abbiamo bisogno di fotografare in pubblico ma vi sono alcune regole che devono essere seguite

Vi sono molte occasioni per fotografare in pubblico: quando siamo in viaggio, ad un concerto o ad una festa. Molto spesso abbiamo effettuato i nostri migliori scatti tra la gente e grazie agli smartphone la situazione è diventata ancora più complicata visto che ognuno di noi ha in tasca una macchina fotografica molto potente. Il problema è che c’è un codice di condotta per non urtare i sentimenti dei passanti che magari non vogliono, per vari motivi, apparire nelle fotografie. Altre volte è meglio astenersi dal fare i propri scatti per non rischiare di fare involontariamente dei danni e per tutti questi motivi spesso vengono inseriti dei divieti specifici contro le fotografie, vedi i musei ed i bioparchi.

Fotografare in pubblico: non esagerare con gli accessori

Molto spesso i fotografi tendo ad usare apparecchiature anche molto ingombranti per riuscire ad ottenere lo scatto dei propri sogni. Se ci si trova in un ambiente molto affollato, sia pubblico sia privato con accesso pubblico, è bene adoperare la macchina senza gli accessori in modo da non creare problemi agli altri utenti che vogliono usufruire di questi locali. Il rispetto per gli altri utenti è la prima cosa

Fotografare in pubblico: esser rispettoso dei divieti e delle altre persone

Bisogna tenere presente che alcuni luoghi pubblici non sempre permettono di effettuare fotografie per motivi di riservatezza o per sicurezza. E’ importante rispettare questi divieti perché sebbene tu abbia il diritto di fotografare gli altri hanno il diritto di decidere a casa propria. I centri commerciali possono essere un esempio abbastanza classico perché di solito permettono di effettuare foto a patto di non infastidire coloro che frequentano il locale. Soprattutto ricordare che se le guardie di sicurezza vietano di effettuare fotografie bisogna seguirle.