Siamo entrati ufficialmente nell’era dello schermo pieghevole e se anche Big G si muove allora c’è da crederci

Lo schermo pieghevole rappresenta un componente molto importante perché permette di avere delle interessanti opportunità di sviluppo per la tecnologia non solo concernente i dispositivi mobili ma anche televisori e tutto ciò che è dotato di uno schermo. Si può quindi affermare che questo componente può essere molto interessante per avere delle ottime prestazioni non solo in termini di specifiche tecniche ma anche per avere un dispositivo combinato in uno. Naturalmente grazie a questo componente sarà più facile e sicuro il televisore da 50 pollici o aprire il telefono fino a farlo diventare un tablet da dieci pollici.

Google naturalmente non poteva non subodorare i vantaggi di essere presente in questo nuovo mercato quindi ha deciso di registrare un proprio brevetto in modo da potersi garantire uno spazio in questo interessante mercato. Si deve quindi tenere presente che l’azienda di Montain View ha deciso di registrare due particolari prodotti molto differenti sebbene rappresentanti due dispositivi mobili: nel primo caso si tratta di uno smartphone pieghevole mentre nel secondo si parla di uno schermo pieghevole molto particolare. Si tratta infatti di un dispositivo molto simile ad uno smartphone comune ma che si apre a depliant diventando un vero e proprio tablet di grandi dimensioni.

Almeno uno di questi due potrebbe essere il prossimo dispositivo mobile della serie Nexus? Oppure è solo un modo per poter creare un possibile passo nel mercato dello schermo pieghevole. Bisogna vedere come questo colosso informatico deciderà di rivolgersi al mercato anche se bisogna tenere presente che essendo Google ed Android facenti parte della stessa azienda può permettersi di tardare del tempo sui competitori potendo riuscire ad offrire qualcosa in più sul suo sistema operativo con, tra le altre cose, la possibilità di avere gli aggiornamenti subito.