In questa guida verranno spiegate come Orange PI può essere una buona alternativa al RaspberryPi e prodotti simili

Non in molti conoscono le caratteristiche Orange PI, noi di bitmagazine abbiamo un piccolo laboratorio di ricerca nel quale andiamo a realizzare dei prodotti elettronici quindi è normale che andiamo a conoscere nuovi prodotti tecnologici, ma i vari modelli di questo marchio possono realmente essere un’alternativa importante se si decide di lavorare con le schede elettroniche per creare dei dispositivi, qualsiasi tipo si parla di micropc fino ad arrivare a micro server, molto interessanti in modo da poter arrivare a creare delle interessanti proposte informatiche e magari andare a sviluppare delle nuove proposte. Se Arduino ci ha insegnato una cosa è proprio il fatto che è possibile di nuovo poter vivere la tecnologia in completa libertà senza dover sottostare alle regole imposte ma non dette delle grandi case produttrici di informatica. Col tempo sono nate società che hanno investito praticamente tutto nella creazione di schede elettroniche sempre più importanti con specifiche in grado di diventare sempre più economiche e potenti con RAM, porte USB, memoria di archiviazione e processori già installati. La cosa eccezionale sta nel fatto che è possibile reperire una serie di accessori e componenti che permettono agli sviluppatori ed alle aziende di creare dei progetti sempre più interessanti. Non bisogna sottovalutare questo tipo di prodotti perché concedono di nuovo di poter vivere l’informatica proprio come nei tempi d’oro, fine anni settanta fino alla metà degli ottanta, lasciando la vera libertà agli utenti di poter essere i protagonisti del proprio prodotto con Arduino che offre la massima libertà per poi andare a scegliere quelle più elaborate ma che offrono meno spazio di manovra.

Quali sono i modelli dell’OrangePi che sono attualmente disponibile nel mercato

E’ possibile andare a creare una serie di prodotti in modo da poter creare tutti i dispositivi di cui si ha bisogno. L’azienda produttrice, la Xulong Software, ha infatti deciso di creare una serie di linee di produzione che vanno ad interessare praticamente tutti i settori della tecnologia dalla telefonia cellulare fino ad arrivare ai prodotti destinati all’IoT, Internet delle Cose. Questi sono i modelli attualmente rilasciati nel mercato tenendo presente che le caratteristiche Orange Pi possono essere anche molto differenti modello per modello:

  • Orange Pi Zero;
  • Orange Pi One;
  • Orange Pi One Plus,
  • Orange Pi Lite;
  • Orange Pi Lite 2;
  • Orange Pi PC;
  • Orange Pi PC 2;
  • Orange Pi PC Plus;
  • Orange Pi PC Plus 2E;
  • Orange Pi Zero Plus 2;
  • Orange Pi 2G-IOT;
  • Orange Pi Win Plus;
  • Orange Pi Prime;
  • Orange Pi Plus 2;
  • Orange Pi Zero Plus;
  • Orange Pi R1;
  • Orange Pi RK3399;
  • Orange Pi 4G IOT;
  • Orange PI 3G IOT A;
  • Orange PI 3G IOT B;
  • Orange PI AI Stick.

Quali sono i sistemi operativi che supportano le caratteristiche Orange PI?

Quasi tutte queste schede supportano il sistema operativo Linux e molte delle sue distro e derivate andando quindi a favorire la produzione di dispositivi molto validi sia per smartphone sia per varie applicazioni domestiche ed industriali. Nello specifico sono supportati vari tipi di distro come il Raspian, il Lubuntu, il Fedora, l’OpenSuse, l’ArchLinux ed il Berryboot. E’ possibile inoltre creare dispositivi android di vario tipo perché questi dispositivi lo supportano completamente inoltre è possibile creare delle piccole e gradevoli media center grazie anche al supporto del XMBC. Infine in alcuni casi è possibile installare Windows 10 in varie versioni. In questo caso è sempre consigliabile utilizzare versioni decisamente leggere in modo tale da non rischiare di avere importanti rallentamenti.

Immagini Linux ed Android, i mannuali d’uso ed il software necessario per sfruttare da subito le caratteristiche Orange PI

Molti dei sistemi operativi possono essere scaricati direttamente dalla pagina del produttore in modo da non perdere molto tempo a cercare su Big G o sui vari forum di tecnologia per cercare di ottenere il sistema operativo di cui si necessita. E’ inoltre possibile reperire manuali tecnici e schemi delle schede per vari modelli e per ultimo anche la possibilità di avere tutto il software necessario per la scheda di sviluppo e per formattare la microSD. Per ottenere tutto questo materiale è possibile recarsi in questa pagina.