Le stampanti 4D rappresentano la nuova frontiera dei dispositivi di stampa

Le stampanti 4D possono essere definite come uno stadio particolare dell’evoluzione di questo tipo di dispositivi perché va a creare una vera e propria cesura con la tecnologia del passato perché questa nuova tecnologia porta alla creazione di stampe molto particolari. Quando venimmo a conoscenza della tecnologia di stampa 3D tutti fummo sorpresi perché questo era il prodotto in grado di offrire una sorta di rivoluzione industriale perché, lasciando perdere  i fini ludici, permettono di creare prototipi e pezzi di ricambio con poche risorse e poco tempo rendendo molto più semplice la produzione di manufatti. Le 4D sono un’evoluzione delle 3D perché portano alla possibilità di creare una nuova categoria di prodotti.

Le stampanti 4D hanno la particolarità di stampare dei prodotti in grado di cambiare la sua forma al tatto in base ad uno schema prestabilito. Ci potremmo trovare infatti in base ad uno schema prestabilito ad avere prodotti in grado di trasformarsi in un altro rimanendo lo stesso in base ad uno schema che viene disegnato in fase di creazione. L’input di cui necessitano non è solo il tatto ma anche il calore andando a portare il risultato in una grande sfera di impieghi. Molti riscercatori stanno cercando di immaginare quale potrà essere il migliore impiego a questa tecnologia anche se in molti hanno pensato al settore aerospaziale perché rappresenta il metodo migliore per trasportare nel cosmo una serie di prodotti articolati e molto ingombranti per poi liberare tutta la loro importanza.

Le stampanti 4D possono essere un ottimo strumento per creare dei prodotti particolari in grado di portare avanti nuovi processi produttivi che possono portare alla creazione di soluzioni che prima non erano nemmeno ipotizzabili grazie ad una tecnologia che sicuramente farà parlare di sé quando comincerà ad essere più alla portata di tutti.