ENOCH è il primo satellite scultura per celebrare il primo cosmonauta afroamericano

ENOCH non è un satellite per le telecomunicazioni civili o militari né ha un altro tipo di scopo perché si tratta del primo satellite scultura mai lanciato nel cosmo. Ha rendere reale questa storica operazione è stata SpaceX che ormai è diventata una solida realtà nel lancio dei razzi perché riuscendo a mettere a frutto l’idea di creare dei razzi riutilizzabili riesce a creare missioni decisamente meno onerose rispetto ai suoi concorrenti statunitensi, europei e russi. Il cosmonauta celebrato con questa scultura è Robert H. Laurence Jr. che prese parte nella missione dello SSO-A SmallSat Express organizzata dalla Spaceflight Industries.

Ma il lancio di ENOCH non ha solo il record per la finalità del satellite ma anche perché con lui il razzo SpaceX Falcon 9 ha inviato altri sessantadue veicoli spaziali. Fino ad ora negli Stati Uniti era stata mai fatta una cosa del genere diventando un vero e proprio primato. Il lancio è stato effettuato dallo Space Launch Complex 4E, SLC-4E, presso la base aeronautica di Valdenberg in California.

 

ENOCH è un’opera d’arte vera e propria creata dall’artista Tavares Strachan che in collaborazione con il LACMAN, Los Angeles Museum of Art. Questa opera d’arte è decisamente complessa perché Strachan si è rifatto a varie culture anche molto differenti tra loro, si va dall’antico Egitto fino alla storia delle esplorazioni spaziali passando da alcune tradizioni giapponesi. La scultura è composta da un vaso canopico in oro a 24 carati con all’interno il busto del defunto pilota.

Quali sono le altre meraviglie che il Falcon X9 ha inviato nello spazio?

Il resto del carico di questo lancio comprende una vasta varietà di microsatelliti ed una serie di altri dispositivi di aziende e governi che includono satelliti di imaging, dimostrazioni di nuovi ritrovati tecnologici ed inniziative di ricerche educative.

Nota di copyright: l’immagine in evidenza è  del sito collectspace.com